10
Nov

Indice

Meno lezioni durante la Design Week?

Il design come ricerca continua, assimilazione e scoperta

Sono anni che gli studenti di design lamentano difficoltà nel visitare la design week: la maggior parte delle lezioni hanno frequenza obbligatoria, le revisioni settimanali e il lavoro delle consegne rendono molto difficile permettersi qualche ora libera nel pomeriggio, orario di apertura delle principali installazioni di design.
Da qui nasce la nostra proposta, portata agli uffici nel mese di ottobre 2022, dove abbiamo chiesto di sospendere le lezioni per gli studenti di design, in modo da poter dedicare il tempo all’esplorazione della design week.

La proposta – rappresentanti di Svoltastudenti

La nostra proposta prevedeva la sospensione delle lezioni per due giorni, durante la settimana del design. Parlando con la Segreteria sono emersi problemi di tipo burocratico e legale, abbiamo però ottenuto di poter discutere la proposta il 10 novembre 2022 durante la seduta della Giunta di Design, dove partecipa la nostra rappresentante eletta Giulia D’Aleo.

Crediamo in una didattica innovativa, capace di uscire dal perimetro delle aule e “spostarsi” in modo autogestito verso l’evento di design più significativo dell’anno: gli studenti potranno raccogliere fotografie o collezionare casi studio utili per i progetti o per avviare dibattiti e confronti con colleghi e docenti.

La nostra proposta: Clicca qui per leggerla

Il contesto: Milano e la settimana del design

Milano ha la fortuna e l’onore di ospitare uno degli eventi più importanti nel panorama del Design: ogni anno nel mese di aprile ha luogo il Salone del Mobile, rinomata esposizione dove è possibile trovare i più importanti brand e collezioni.
Esiste però qualcosa di ancora più unico: il cosiddetto Fuorisalone, consiste in un percorso di un centinaio di allestimenti ed eventi, organizzati da progettisti di spessore e diffusi con accesso completamente gratuito per le vie dell’intera città.

Siamo disponibili per chiacchierare di qualsiasi curiosità o domanda, contattaci!

ARTICOLO A CURA DI: EVA PARENTI

Ultime notizie